gio 23 giu

|

Pordenone

In giro per il Friuli Venezia Giulia tra mare e pedemontana

Dal 23 al 26 giugno, pedalando sulle ciclovie regionali con veloce fuga in Slovenia.

Le registrazioni sono al completo
Vedi altre cicloescursioni
In giro per il Friuli Venezia Giulia tra mare e pedemontana

Orario & Sede

23 giu, 08:00 CEST – 26 giu, 19:00 CEST

Pordenone, di, Via Noncello, 33170 Pordenone PN, Italia

Info sull'evento

📄 Stampa il programma completo

Francesca Giannelli cell. 3282759907 Massimo Scussat

🚲 Pordenone-Marano-Gorizia-Cividale-Pordenone. 

Si parte da Pordenone per fare tappa a Marano Lagunare, dallo storico paese di pescatori, tra ambiente marino e collina, si arriva a Gorizia lungo l’Isonzo. La tappa più dura arriva il terzo giorno, con lo sconfinamento sloveno che porterà alla cittadina longobarda di Cividale. Da qui si incontra la FVG3, che porta verso la pedemontana pordenonese, per il rientro, per non esagerare con i chilometri, è previsto un bus con carrello bici da Pinzano. 

1️⃣ tappa giovedì 23 giugno: Pordenone – Marano 70 km difficoltà 2 

Da Pordenone, lungo la FVG4 si arriva fino al ponte della Delizia; qui si incontra la FVG6, che si percorre fino a Latisana. Si abbandona la via del mare, per dirigersi verso Precenicco, dove si prende la FVG2 fino a Marano. Alloggio all’Hotel Jo.

2️⃣ tappa venerdì 24 giugno: Marano – Gorizia 83 km difficoltà 2 

Da Marano si prosegue sulla FVG2, passando per Carlino, Porto Nogaro, Torviscosa, Cervignano, Aquileia, fino a Monfalcone. Dalla città dei cantieri, si prende la B120, che sale verso Redipuglia, Fogliano, Sagrado, Gradisca, fino ad arrivare in centro a Gorizia. Alloggio all’Hotel Best Western.

3️⃣ tappa sabato 25 giugno: Gorizia – Cividale 89 km attraverso Slovenia – difficoltà 3 

È la tappa più impegnativa, con diversi saliscendi lungo l’Isonzo. A Gorizia ciclabile di confine: il valico del Rafut (l'ultima sbarra di confine rimasta, famoso per la mucca a cavallo della riga di confine); passaggio sotto il colle della astegnevizza; passaggio davanti alla stazione di Montesanto e il piazzale con il confine. Su, lungo l’Isonzo fino a Kobarid, per rientrare in Italia lungo il Natisone. Prima di Pulfero si prende una strada panoramica molto bella, che evita tutta la statale fino a Ponte San Quirino. A Cividale alloggio all’Hotel Roma.

4️⃣ tappa domenica 26 giugno: Cividale – Pinzano 67 km + corriera con carrello bici fino a PN – difficoltà 2 

Da Cividale a Pinzano lungo la FVG3 con possibile sosta a Gemona, si prosegue sulla FVG3 verso Pinzano, con visita all’agro birreria Garlatti Costa; da Pinzano corriera con trasporto bici per il rientro fino PN.

Condividi questo evento