Monopattini elettrici, le regole ci sono. Occorrono educazione, più controlli e nuove politiche di mobilità

Da tempo come associazioni ciclo-ambientaliste denunciamo i problemi del traffico motorizzato nei centri urbani. Inquinamento ambientale ed acustico, sottrazione di spazio pubblico ma soprattutto i pericoli derivanti dalla velocità, dalla distrazione alla guida e più in generale dallo scarso rispetto delle regole di condivisione della strada. Il monopattino elettrico è sicuramente da preferire all’auto in quanto meno impattante sotto tutti i punti di vista, in particolare nell’ottica di rendere le strade un luogo più sicuro per le persone. Di fronte – o meglio, grazie – a un maggiore numero di utenti della strada non motorizzati, l’incidenza di sinistri, feriti e morti cala costantemente nel tempo a conferma del concetto scientificamente acclarato del “Safety in numbers”, secondo il quale, all’aumentare del numero di veicoli come bici, e-bike e monopattini sulle strade, l’incidentalità e quindi la pericolosità delle strade stesse si abbassano notevolmente. Leggi tutto