Appello rivolto al Presidente della Regione Friuli Venezia Giulia da tutte le associazioni FIAB in FVG, riunite nel Coordinamento Regionale.

In questa fase invitiamo  soprattutto  quelli che tra voi  sono amministratori  comunali  a cogliere le opportunità che la bicicletta può  fornire per ripartire con il piede giusto in linea con  l’appello  rivolto  al Presidente della Regione Friuli Venezia Giulia da tutte le associazioni   FIAB in FVG, riunite nel Coordinamento Regionale.  Lettera alla Regione Fase 2
In particolare  FIAB Pordenone ha rinnovato l’invito all’amministrazione della città di Pordenone, che sta sviluppando la revisione del Piano Urbano della Mobilità Sostenibile,  a creare  insieme  un ulteriore  gruppo di lavoro dedicato a  costruire una campagna informativa mirata sulla mobilità sostenibile, a  individuare insieme gli   strumenti per incentivare sistemi di mobilità alternativa all’auto privata per spostamenti sotto i 2/3 chilometri e a coivolgere tutte le imprese cittadine pronte a favorire l’utilizzo della bicicletta (muscolare o elettrica)  e/o di altro mezzo  diverso  dall’automobile privata per lavorare (consegne a domicilio)  o per recarsi al lavoro.
Il lavoro è proprio il punto da cui ripartire  proprio   ora che ci avviciniamo ad un Primo Maggio davvero particolare e forse spostarsi in bici o a piedi in sicurezza  in città  valutando l’impatto delle proprie azioni non è solo un diritto, che gli amministratori dovrebbero garantire, ma  un dovere che ogni cittadino (in grado di farlo) dovrebbe valutare per il bene comune. Comunicato coordinamento ciclisti nazionale