Alla scoperta del Rinascimento Viaggio tra chiese e opere d’arte

►Fai e Fiab propongono la gita per ammirare le bellezze pedemontane

SPILIMBERGQ
In bicicletta a Spilimbergo per scoprire le meraviglie artistiche del Rinascimento friulano.
E proprio l’associazione nata con il nome del periodo storico-artistico a proporre
una nuova visita, partendo dal centro friulano.
Ritorna dopo la pausa estiva una nuova proposta da non perdere di Rinascimento friulano
e la gita in bicicletta nella pedemontana pordenonese si associa alla visita culturale. È
la quarta pedalata dedicata all’arte rinascimentale in Friuli, curata dall’associazione culturale
assieme alla Fiab Pordenone Aruotalibera e al gruppo Fai di Spilimbergo. Il programma
si snoda lungo la Via Maestra della Pittura, da Spilimbergo appunto e fino a Valvasone
e ritorno: prevede un’uscita 40 chilometri circa, tra le 9 e le 19, con pausa per il pranzo a Valvasone
L’appuntamento è per oggi: «Si parte proprio da Spilimbergo, cuore pulsante del Rinascimento
nella Destra Tagliamento – spiega Giulia Sacilotto -, si passerà per la chiesa di San Nicolò
a Tauriano, che cela dietro la facciata ottocentesca più mani delle maestranze rinascimentali
locali, come Giovan Pietro da Spilimbergo (1502) e la bottega del Pordenone; giungeremo poi a Barbeano,
per visitare una chiesetta campestre, custode di un meraviglioso ciclo di affreschi di Gianfrancesco da Tolmezzo,
che ritroveremo con il suo stile imponente e nordico a Provesano». Il percorso è studiato per prendere i ciclisti per la gola,
così oltre alle visite guidate non manca la possibilità di degustare i prodotti locali: «Proprio
a Valvasone, uno dei Borghi più belli d’Italia, ci sarà la
pausa pranzo, a “La Torre”, location
storica nel centro. Visiteremo
anche il preziosissimo
Duomo: al suo interno l’unione
perfetta dell’eccellenza della
produzione musicale veneta
e del genio artistico di Giovanni
Antonio de’ Sacchis, il
Pordenone, che ne progettò
l’intero apparato figurativo,
poi completato dall’Amalteo.
Inforcata nuovamente la bicicletta
visiteremo due gioiellini:
la chiesetta di Santa Margherita,
di origine antichissima,
e la chiesa dei santi Filippo
e Giacomo, recentemente
restaurata, che conserva affreschi
di diversi artisti tra cui
Pietro da San Vito, Bellunello,
Pomponio Amalteo e Gasparo
Narvesa. Rientreremo poi a
Spilimbergo dove ci attenderanno
i giovani volontari del
Fai per una visita alle opere
più significative del Rinascimento
in città, tra cui il Duomo
e il Palazzo Dipinto». Per
informazioni si può contattare
direttamente Giulia, al 340.
2377166 nella fascia orario
13-15 o dopo le 19, oppure scrivere
a info@rinascimentofriulano.
it.
Francesca Giannclli